Andrea Faustini, l’italiano che sbanca a X Factor in Gran Bretagna

Questo articolo è stato scritto per Rolling Stone.

Per ogni straniero che arriva nel nostro paese ci sono due italiani che scappano all’estero – dice la fondazione Migrantes. La proporzione regge anche in tv.
Per una Elhaida Dani, giovane albanese vincitrice della prima edizione di The Voice of Italy ci sono Luca Manfè e Andrea Faustini, due italiani che si sono fatti notare in talent stranieri. Il primo ha vinto la quarta edizione di Masterchef Usa. Il secondo, invece, è appena arrivato ai live dell’undicesima edizione di X Factor UK, il trampolino di lancio degli One Direction che non sente l’usura del tempo.
Dire che Faustini è piaciuto è riduttivo: fosse per i bookmakers sarebbe già vincitore dell’X Factor britannico.
La prima puntata della nuova edizione è stata vista da 8 milioni di persone, quel 40% di share che in Italia si tocca solo durante la settimana di Sanremo. Il debutto di Andrea Faustini, lo scorso sabato, è stato visto 380 mila volte su Youtube in meno di 48 ore.
Ma per il cantante italiano X Factor UK non è la prima volta in tv: aveva partecipato alla prima edizione di Ti lascio una canzone, il talent per bambini condotto da Antonella Clerici, nel 2008.
Trovate le sue performance Rai in rete, dove sono ricomparse grazie al successo che Andrea Faustini sta ottenendo nello show britannico. L’esibizione dei Bootcamp, in meno di due settimane, ha superato il milione di visualizzazioni su Youtube.
L’edizione italiane e quella britannica hanno più incroci di quanto credereste: Lorenzo Fragola – che giovedì scorso ha fatto registrare a Sky gli stessi ascolti di Michele Santoro e del suo Servizio Pubblico, in chiaro, su La7 – sembra aver studiato la lezione di James Arthur, vincitore nel 2012 di X Factor UK. Un indizio? In un video sul suo account Youtube, Fragola canta Impossible, la canzone che ha permesso ad Arthur di avere la meglio sullo sfidante Jahméne Douglas nella finale dell’edizione di due anni fa.
Arthur e Douglas avevano ingaggiato una sfida memorabile: due concorrenti della stessa squadra in finale. Una situazione rarissima, che proprio in quei giorni stava succedendo anche in Italia, grazie al tocco di Morgan – che aveva portato in finale due over 25: Chiara Galiazzo e Ics.
Il guizzo del frontman dei Bluvertigo – uno che è arrivato a trasformare The final countdown degli Europe in un tango – è un tocco che è molto apprezzato anche dagli spettatori britannici. Basta vedere questa undicesima edizione di X Factor UK: ben quattro dei 12 concorrenti del talent hanno portato sul palco del primo live un mash-up degno del miglior Morgan.
A ben vedere, c’è un perché: miscelazione musicale è un mezzo necessario per raccontare il melting pot presente in moltissimi paesi, Italia inclusa. Simon Cowell, inventore del talent musicale, sa che uno show per essere contemporaneo (quindi vendibile) deve parlare delle mutazioni della società.
È per questo che lo scorso sabato, a X Factor UK, ha fatto cantare al suo Stevi Ritchie una canzone come Livin La Vida Loca di Ricky Martin. Gli serve la cultura latina senza la quale non avrebbe potuto adattare, tra il 2011 e il 2013, il talent show per gli Stati Uniti.
Fuori dall’Italia oggi non c’è un’alternativa, una terra promessa, per i nostri artisti.
I talent, in particolare quelli canori, hanno abbattuto il confine geografico e garantito agli aspiranti cantanti di creare e riconoscersi in una cultura globale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...