#dono

“Sono il giorno dopo. Le mani senza te, dono. Accarezzo con attenzione i polpastrelli. Cerco il colore che mi ha trasformato. Il cuore dove prima c’era un pugno chiuso. L’apertura e il tuo addio. Ogni singolo muscolo delle mani soffre. Vorrebbe, per un secondo solo, non sentire la tua scomparsa. Vorrebbe trattenere te e il tempo che insieme abbiamo trascorso. Vorrebbe ma non può. Il presente é imprescindibile e pratico. Il polpastrello deve prendere ciò che la vita prospetta per lui, per me. Per noi. Mentre le mani metabolizzano l’addio la mente mi inganna con l’arrivederci. Non ero pronto. Chissà quando e se lo sarò di nuovo. Sopra il cielo, sotto il pugno chiuso”
dono

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...