Una favola (vera) per Natale

C’era una volta, su un isola non troppo lontana, una bambina davvero speciale. Cercarla richiedeva tempo. Per questo motivo per tutti lei è sempre stata Grazia… Grazia Deledda, la prima scrittrice italiana a vincere un premio Nobel. Così si chiamano le statuette che in Svezia un gruppo di persone davvero competenti consegnano alle persone davvero brave.

Grazia è cresciuta in Sardegna più di cento anni fa. Insieme a lei è cresciuto il signor Cambiamento. L’Italia, la nostra nazione, è poco più grande di Grazia. Tra le due ci sono solo dieci anni di differenza. Mentre Grazia diventava grande e forte in Sardegna tanti uomini di buona volontà iniziavano a costruire il ponte di Brooklyn a New York. Anche loro, come Grazia, sono state delle persone davvero speciali. Prima della costruzione di questo ponte le persone di Manathan che volevano andare a Brooklyn dovevano usare sempre la nave. Oggi, invece, nel quartiere chewingum si arriva anche a piedi.

Grazia aveva un sguardo speciale. I suoi occhi vedevano tutto quello che i grandi non notavano. Lei è sempre stata un fiorellino tra gli alberi. Una margherita che racconta le querce. Ai suoi compesani non piacevano i petali di Grazia. Dall’alto delle loro foglie non riuscivano a vedere la bellezza del suolo che Grazia notava dal basso del suo pistillo. Grazia è stata la primavera in anticipo delle querce sarde.

… Che belli che sono gli alberi in fiore.

Grazie ai suoi libri gli ha insegnato ad amare la loro terra. Ruvida, propria e tutta da scoprire. Per Grazia il mare della Sardegna è stato una grande e luminosa libreria tutta riempire. Prima di baciare, per l’ultima volta, la terra Grazia ha scritto tanto e bene. Oggi quegli scaffali marini sono sempre meno vuoti.

Grazia aveva uno sguardo davvero speciale e i suoi occhi vedevano quello che gli altri non notavano.

Nelle notti d’estate, come tutti, alzava la testa per guardare le stelle. Il suo cielo, d’improvviso, diventata un pezzo di stoffa azzurra che le zarine russe usavano per i loro vestiti più belli. Ai russi piaceva il calore di Grazia e non perdevano occasione per consigliare la lettura dei suoi libri.

… Che belle che sono le storie lontane che ti fanno sentire più vicino.

Grazia è stata una bambina davvero speciale. Per vivere felice e contenta si è inventata un presente per tutti. Una volta alle bambine nessuno insegnava a leggere eppure lei è diventata una super scrittrice. Il suo sguardo dovrebbe essere anche il tuo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...