brothers

Di brothers avrei voluto scrivere. Subito. Appena uscito dalla sala. Avrei voluto scavare fino a trovare l’inizio della salita. Di quelle persone sfigurate. Ma poi ho desistito convinto che i film, quelli belli per davvero, diventano preziosi solo se ne hai voglia di parlarne giorni dopo che li hai visti.

Di brothers mi ricordo il sangue. Freddo. Lui colpisce l’altro. E lo colpisce. E lo colpisce fino a quando quel corpo non gli ricorderà cosa il cervello possa fare. Un po’ ho avuto paura pensando che il mio sangue non è sempre caldo.

Per fortuna oggi c’è il sole.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...