sonno

Il sonno. Del reparto psichiatrico mi ha colpito il sonno. La stanchezza solitaria che sopraggiunge alle persone che, probabilmente, non possono condividere i propri sogni. I propri istinti, sì anche quelli peggiori, che non riuscirebbero a condividere con i propri cari se dovessero stare sempre svegli. Mia sorella, in spedizione con me in quella specie di limbo per persone non vive, era quasi pronta a scommettere che in una stanza ci stesse anche il suo professore di biologia. “Se avessi saputo dei suo problemi psichici probabilmente mi sarei sforzato di capirlo” è stato l’interludio prima di verificare che no, non era lui. Tra quelle parenti, se devo essere sincero, neanch’io mi sentivo me stesso.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...