show in diretta, (ed)mondo in differita

La figura dell’analista è radicata in Italia al punto tale che è scomparso l’abc della critica. Chi perde sostiene di aver vinto meno del suo avversario. Chi commette un reato sostiene che ci sono persone che si comportano peggio. Chi deve recensire un progetto per screditarlo lo confronta con realtà talmente diverse che non possono essere prese come termine di paragone.

Tutto nella vita mi sarei immaginato. Difendere Lorella Cuccarini, o meglio per il lavoro che da poco ha concluso su SkyUno, no.Sull’ultimo numero de L’Espresso Edmondo Berselli si occupa appunto di “Vuoi Ballare Con Me?” comparandolo a “Ballando Con Le Stelle” (e non ad Academy come qua e là si è fatto nelle ultime settimane). Al di là del giudizio che il giornalista esprime è evidente che non abbia mai visto il programma. Parlare di progetto limitandosi alla sola presenza che occupa nel palinsesto non è troppo riduttivo? O paraculo?

Forse è per questo motivo che la critica ha progressivamente perso consistenza in Italia. In un momento storico fortemente caratterizzato dalla diretta i ragionamenti in differita sono solo inutili.

P.S. vorrei far notare che proprio su una delle recenti novità di Steel la coppia di fatto Comazzi-Dipollina ha presentato ai rispettivi lettori una serie di spunti su un qualcosa che (e lo si poteva intuire) entrambi avevano visto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...