una voce nella notte

I libri di solito li compro. Spesso a caso. I film li noleggio. Con criteri molto simili. Attorno a me, mentre scrivo questo post, un simbolo. Una biblioteca. Che di solito si frequenta nel momento peggiore della vita di un lettore: l’infazia. Dei libri letti in quel periodo non ricordo nulla o quasi. Credo che se dovessi stabile l’esatto inizio del mio innamoramento con il mezzo lo collecherei ad un 16 agosto. La radio era la uno e ricordava Elvis. Io non dormivo. Maupin quella notte non fu solo una voce. Da quel rumore non ho saputo più farne a meno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...