spazio, suono e sollievo

Di quella mattina ricordo lo spazio e il suono. Faticavo a trovare parcheggio mentre alla radio una ragazza faceva delle scelte. Non semplici. Se avesse preferito la carriera, avrebbe lasciato a casa il fidanzato.

Di quella mattina mi ricordo anche il sollievo. Mio, nel trovare parcheggio. Suo, della ragazza, nell’aver scelto la libertà.

L’amore, forse, è questo. Sognare senza vincoli. Se impedisci all’altro di respirare soffocherete entrambi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...