gas, gola e giorno (di ordinaria follia)

Ci sono notizie che con precisa puntualità si ripresentano. Non si aggiornano. Non cambiano. Sono lì. Ed è più che sufficiente.

Ieri, ad esempio, credo di aver letto per la settima volta (in poco meno di due mesi) che i gas emessi da alcuni animali (per lo più bovini), durante la normale flatulenza, contribuiscano a peggiorare l’effetto serra.

Riflettendo su quali siano gli argomenti debbano avere uno sviluppo narrativo circolare, ho cominciato ad addobbare l’avverbio “non” di circostanze. Notizie. E banalità.

Tralasciando tutte le informazioni che necessitano di questa parola per essere collegate ad altre, sul palindromo ci sono inciampato ieri sera intravedendo nello specchio più forme di ingordigia.

Di quel beat, elettro-dance, che percepisci come se non fosse mai sufficiente.

Ebbene. Ieri sono arrivato alla conclusione che tale peccato capitale (ogni riferimento al sistema ecclesiastico e ai sì, non troppo spesso detti, non è puramente causale) si può manifestare in due modalità comparabili con altrettante malattie legate alla gola: bulimia e anoressia.

Nello specifico se è immediato il collegamento che può esserci tra l’ingordigia e la bulimia, da decifrare quell’ossimoro sociale che sposa il desiderio di mangiare sempre di più. Alla necessità di sopravvivere con il meno possibile.

Ci sono persone, e ieri sera ne ho avuto la prova, che per anni fanno della cosiddetta “abbuffata” un vero e proprio vettore per la propria comunicazione. Fissano gli incontri di lavoro per lo più in coincidenza con i pasti. Frequentano gli stessi locali, in precisi giorni, per poter dare alla propria vita sociale una parvenza di normalità. Festeggiano i propri compleanni solo attorno ad un tavolo.

Come se tra loro e i commensali che invitano alla propria tavola ci debba essere un valido motivo per vedersi. Come se la qualità della propria esistenza possa essere misurata solo con il parametro “frequenza”. Come se la professionalità (in questo caso la mancanza di) possa essere nascosta da una scenografia di normale quotidianità.

Tra le due forme di ingordigia, forse, la peggiore è proprio questa. Quella del vorrei ma non posso.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...