abito, ombra e 2009

Nei giorni scorsi mi sono confrontato spesso con E. Meglio. Ci si osservava da lontano. Io dalla mia terra. Lei dalla sua. Malgrado la residenza di entrambi possa far pensare che il territorio su cui ci si muove sia lo stesso.

E., portatrice di pensieri laici solo in modalità “intermittenza”, sosteneva che le persone con un orientamento sessuale diverso dal proprio potevano essere contemplate dal sistema “creato”. Ma non i transgender. Ognuno dovrebbe imparare ad indossare il proprio corpo. Inutile, mi auguro per il momento, tutte quelle similitudini a petardo per le quali una persona di taglia 48 in una 40 ci sta stretta. Comunque.

Oggi è Santo Stefano. Oggi è la giornata ombra del Natale. Per capirlo è sufficiente osservare come cambia la clientela di una trattoria tipo.

A Natale le persone che si riuniscono in questi interstizi hanno per lo più una necessità: dimostrare al prossimo che loro sì sono felice. Per davvero. Sorridono come le Barbie. Nascondono i problemi, con chi per loro rappresenta Ken, nei buchi del panettone. Al posto delle uvette.

A Santo Stefano, tolti gli addobbi rosso e i flash delle macchine fotografiche, in questi acquari sociali incontri la modestia. Le persone non devono dimostrare che sono felici. Spesso non lo sono. Ma per loro, poco importa. Hanno fatto della locuzione “giorno per giorno” la loro vera locomotiva.

Così capita che attorno ad un tavolo si riuniscano almeno dodici persone. Metà delle quali facciano fatica a comunicare utilizzando la voce. E tu, solo, realizzi che l’assenza del tuo suono improvvisamente sia più forte di un dj set.

Improvvisamente realizzi che per la prima volta state parlando un linguaggio comune. Ognuno ha deciso di indossare l’abito più consono alla propria personalità. Speciale per davvero. Preziosa come poche luci, che illuminandoti non evidenziano l’inadeguatezza del tuo vestito.

E sì, ho cominciato a redigere la lista dei buoni propositi per i prossimi mesi. Il 2008 mi ha insegnato molto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...